Airbeam, partner tecnico della Travagliato cavalli 2013. 25-28 Aprile

logo2

NOVITA’: Rete Veneto-Vombarda contro il «digital divide»

Fonte: http://www.larena.it/stories/Economia/355092_rete_veneto-lombarda_contro_il_digital_divide/

INNOVAZIONE. Si chiama Rice l’ottavo contratto che interessa il Veronese e riguarda le tlc.
Due srl scaligere, una padovana e una bergamasca AIRBEAM insieme per un progetto con investimento da 650mila euro in cinque anni

Antenna wireless usata per zone non raggiunte dall'Adsl tradizionale

Da Venezia a Bergamo nel territorio della Serenissina, la Repubblica dei Dogi e anche l’autostrada, una rete di imprese tra quattro srl vuol fornire gli strumenti a tutto il territorio per avere una rete informatica al passo con i tempi. Il contratto di rete Rice, Rete integrata per le comunicazioni elettroniche, è stato siglato dai veronesi Martino Toffalori, Abs Computers e Michela Sbardellini, Wolnext; Livio Morina, Airbeam (Bergamo) e Michele Dalla Silvestra Iproute (Padova). Per le quattro imprese lavorano una quarantina di persone. Le aziende hanno una propria specificità: Abs Computers da oltre 15 anni produce e commercializza sistemi informatici, Wolnext fornisce e gestisce strutture e apparecchiature informatiche, Airbeam installa e gestisce reti di telecomunicazioni e di trasmissione dati e progetta e commercializza prodotti e servizi di telecomunicazione come Iproute. Il programma intorno al quale le imprese si sono travate d’accordo riguarda il superamento del digital divide, il divario digitale. «Non solo il digital divide», precisa Toffalori, amministratore unico di Abs Computers e presidente di Rice, «Nell’arco di un paio di anni la capacità attuale della rete non sarà più sufficiente. Il progetto mira a collegare aree rurali e di montagna non sono servite dall’Adsl tradizionale, ma anche a mantenere aggiornata alle richieste una rete in continua evoluzione». Rice è l’ottava rete di imprese a Verona le altre sette sono quella per la tutela dei funghi di bosco; Aplas, Agenzie per il lavoro sociale; Chp-Net ed Energy4Life nel settore del riscaldamento; Stone cutting technology, per macchinari destinati alla lavorazione del marmo; Ripis rete d’impresa per l’innovazione sociale e Rete Formazione siglato dagli enti di formazione telle territoriali di Confindustria di Verona, Vicenza e Padova. Oltre ad avere un significato tecnico per il settore in cui operano la rete e le singole imprese, Rice assume anche valore simbolico per Verona, tra i territori che prima e più di altri ha creduto, attraverso Confindustria nello strumento delle reti d’impresa, regolato dalla legge 33 del 2009 e modificato dalla legge 122 del 2010. Con il Contratto di rete, più imprese perseguiono l’odiettivo di aumentare la competitività e capacità di innovazione collaborando alla realizzazione di uno specifico programma. «Le nostre imprese Lavorano tutte nello stesso settore», precisa Toffalori, «E ci siamo accorti che avremmo potuto mettere insieme le nostre esperienze e capacità in un progetto comune, pur mantenendo ciascuna le nostre caratteristiche singolari. E questo è stato possibile con il Contratto di rete». I tempi di discussione sono stati brevi. «Si potrebbe dire che è stato un colpo di fulmine perché abbiamo concluso in un paio di mesi la definizione del programma che poi ci ha portato alla firma del contratto». Il programma, si legge in una nota, si sviluppa nell’arco di cinque anni e prevede, tra l’altro, il posizionamento di fibre ottiche spente lungo la dorsale autostradale che collega Bergamo, Brescia, Vicenza, Verona e Padova, nonché la creazione di infrastrutture radio trasmissive destinate alla consegna dei servizi alle utenze per un investimento complessivo di 650mila euro.giovanni.dalessio@larena.it

 

Giovanni D’Alessio

 

 

NOVITA’: Nasce R.I.C.E. – Rete Integrata per le Comunicazioni Elettroniche

Fonte: http://www.retimpresa.it/index.php/en/archivio/36-nuova-rete/200–nasce-rice-rete-integrata-per-le-comunicazioni-elettroniche

È nata la rete “R.I.C.E. – Rete Integrata per le Comunicazioni elettroniche” con lo scopo di abbattere il digital divide nelle aree rurali o di difficile raggiungimento da parte delle tradizionali ADSL.

I quattro fondatori sono due aziende veronesi (ABS Computers Srl, Wolnext Srl) una di Padova (Iproute Srl) e una di Bergamo (Airbeam Srl) che hanno sottoscritto, con l’affiancamento di Confindustria Verona attraverso il suo Consorzio Coverfil, un programma di Rete che si sviluppa nell’arco di cinque anni e che prevede la ricerca e lo sviluppo di nuove tecnologie proprio nell’ottica di accrescere l’innovazione e l’internazionalizzazione delle aziende coinvolte, determinate anche ad espandersi verso nuovi mercati.

Di seguito il comunicato stampa

 

Il 18 aprile, presso lo studio del notaio Ruggero Piatelli, su iniziativa di Martino Toffalori, Michela Sbardellini, Livio Morina e Michele Dalla Silvestra, è nata la rete “R.I.C.E. – Rete Integrata per le Comunicazioni elettroniche” con lo scopo di abbattere il digital divide nelle aree rurali o di difficile raggiungimento da parte delle tradizionali ADSL. Un obiettivo sicuramente ambizioso che vuole eliminare il divario che tutt’oggi esiste tra chi ha libero accesso alle tecnologie informatiche e chi ne è invece escluso. Si è dato vita ad un contratto “a misura” delle imprese coinvolte, capace di rispecchiare le loro caratteristiche ed i loro obiettivi attraverso una precisa redazione e articolazione del programma di rete, della definizione degli investimenti necessari e del suo sistema di governance.

Sin dai primi incontri, con i rappresentanti delle aziende coinvolte, è emerso l’entusiasmo nei confronti di questo nuovo strumento giuridico, apprezzato soprattutto per la grande flessibilità e per la sua capacità di adattarsi alle esigenze contingenti di imprese di ogni dimensione e settore. Ci si è resi conto, a detta degli stessi imprenditori, che l’individualismo va superato ed occorre aprirsi verso realtà maggiormente collaborative che coinvolgano programmi condivisi, pur mantenendo una propria autonomia imprenditoriale. Questo è stato lo spirito che sin dall’inizio ha animato i quattro fondatori di “R.I.C.E.” che costituisce l’ottava rete nata con il supporto di Confindustria Verona.

I protagonisti di questa nuova esperienza sono quattro aziende, due veronesi (ABS Computers Srl, Wolnext Srl) una di Padova (Iproute Srl) e una di Bergamo (Airbeam Srl) che hanno sottoscritto, con l’affiancamento di Confindustria Verona attraverso il suo Consorzio Coverfil, un programma di Rete che si sviluppa nell’arco di cinque anni e che prevede, tra l’altro, il posizionamento di fibre ottiche spente lungo la dorsale autostradale che collega Bergamo, Brescia, Vicenza, Verona e Padova, nonché la creazione di infrastrutture radio trasmissive destinate alla consegna dei servizi presso le utenze per un investimento complessivo di 650.000 €.

All’esperienza di ABS Computers, che da oltre venticinque anni opera nell’ambito della produzione e commercializzazione di sistemi informatici, si affiancano Wolnext Srl che si occupa della fornitura e della gestione delle strutture e delle apparecchiature informatiche, Airbeam Srl opera nell’ambito dell’installazione e dell’esercizio di reti di telecomunicazioni e di trasmissione dati nonché progettazione e commercializzazione di prodotti e servizi di telecomunicazione così come la neo nata Iproute Srl di Padova.

Il programma di rete, che si sviluppa nell’arco di cinque anni, prevede anche la ricerca e lo sviluppo di nuove tecnologie proprio nell’ottica di accrescere l’innovazione e l’internazionalizzazione dei retisti, determinati ad espandersi verso nuovi mercati.

La Rete R.I.C.E., inoltre, si mostra attenta alle esigenze attuali e particolarmente sentite nell’ambito dell’eco – sostenibilità, proiettata verso l’elaborazione e la sperimentazione di apparati tecnologici attraverso energie rinnovabili quali l’eolico e il solare, nonché verso la creazione di un team altamente specializzato in grado di offrire un servizio di help desk capace di fornire assistenza all’utenza.

L’attuazione del programma di Rete è affidata a Martino Toffalori, Presidente di “R.I.C.E.” e legale rappresentante di ABS Computers Srl.